Perchè questo non è un mondo a parte, ma la vita vera

Comunità Amiche delle Persone con Demenza

Il primo progetto pilota in Italia di Dementia Friendly Community, (ideato dalla Federazione Alzheimer Italia in collaborazione con la Fondazione di Ricerca Golgi Cenci, l’ASP Golgi Redaelli, l’Associazione Italiana di Psicogeriatria, l’ASST Ovest Milanese), è stato realizzato nel Comune di Abbiategrasso ed è basato su un protocollo messo a punto in Gran Bretagna dall’Alzheimer’s Society, pioniera dell’organizzazione di Dementia Friendly Community in Europa.

In Inghilterra molte città, paesi, villaggi, rendendosi conto della necessità di agire e cambiare per migliorare il supporto alle persone con demenza e permettere loro di vivere meglio nella comunità, stanno cercando di capire quello che devono fare per diventare amiche delle persone con demenza. Da Preston a Plymouth, Newcastle a Norwich le comunità stanno iniziando un percorso per trasformare la vita delle persone con demenza e dei loro familiari. E lo stesso sta avvenendo in Italia. Infatti oltre ad Abbiategrasso, anche in altri cinque piccoli comuni italiani, (fra cui Albino in provincia di Bergamo) è stato attivato il processo per rendere la città amica della demenza.

 

Il riconoscimento delle Comunità Amiche delle Persone con Demenza

Per diventare Comunità Amica delle Persone con Demenza occorre del tempo. Durante questo periodo è indispensabile un processo che permetta alle comunità di diventare parte di un gruppo ufficialmente riconosciuto che lavora per diventare Amico della Demenza. ‹‹Il primo passo da svolgere – si legge in un documento ufficiale della Federazione Alzheimer Italia – è quello di coinvolgere tutti gli stakeholder principali che mostrano un interesse per la demenza (primi tra tutti le persone con demenza e i familiari riuniti in un’associazione, altre associazioni non profit) e le autorità locali al fine di riunirli in un Tavolo che si faccia promotore del progetto Dementia Friendly Community. Prima di procedere con qualsiasi evento, come da indicazioni internazionali, è bene raccogliere la voce ed il punto di vista delle persone con demenza e dei loro familiari circa i bisogni e le difficoltà quotidiane perché il loro apporto è fondamentale per innescare un progetto di Comunità Amica delle Persone con Demenza.

Alzheimer’s Society come anche la Federazione Alzheimer Italia hanno promosso un processo pilota di riconoscimento per le Comunità Amiche delle Persone con Demenza con una serie di criteri e di standard. In Gran Bretagna hanno partecipato allo studio pilota alcuni sperimentatori scelti tra i primi che avevano aperto la strada per diventare Amici delle Persone con Demenza. Basandosi sui feedback ricevuti sono stati ridefiniti i criteri e gli standard del processo per renderlo più agevole per le comunità coinvolte ››.

 

Monza città amica delle persone con demenza: il progetto

Monza di diventa città amica delle persone con demenza. Ma come si sviluppa questo percorso?

Attraverso queste tappe:

  • il coinvolgimento e l’adesione del Comune di Monza;
  • la creazione di un Tavolo di lavoro al quale partecipano gli stakeholder della città di Monza;
  • la attivazione di un sondaggio al fine di raccogliere la voce ed il punto di vista delle persone con demenza e dei loro familiari circa i bisogni e le difficoltà quotidiane;
  • lo studio e l’analisi dei dati del sondaggio;
  • la definizione del piano di lavoro e delle azioni da intraprendere sulla base dell’analisi dei bisogni e delle risorse disponibili;
  • infine, sulla base dell’esperienza di Meridiana, pensiamo di poter indicare alcune linee di intervento che interessano gli ambiti dell’informazione ai cittadini, della formazione al personale che operano in città come gli agenti polizia municipale, i vigile del fuoco, il personale di alcuni uffici pubblici. Inoltre riteniamo importante valutare la possibilità di attivare specifiche sperimentazioni in alcune zone della città che, con ausili anche tecnologici, si possano introdurre segnaletiche speciali che aiutino queste persone a non sentirsi smarriti e fare in modo che i cittadini possono aiutare le persone con demenza.

 

Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso.